• Srpski jezik
  • Engleski jezik
  • Francuski jezik
  • Nemački jezik
  • Ruski jezik
  • Španski jezik
  • Italijanski jezik
  • Bugarski jezik
  • Grčki jezik
  • Albanski jezik
Đorđa Čutukovića 48, Belgrade, Srbija
Informazzioni dalle 07.30 alle 15.30 Lunedi-Domenica dalle 00 alle 24

Trattamento professionale della dipendenza da marijuana

Trattamento della dipendenza da Cannabinoidi (marijuana, hashish, cannabis sintetica)

La marijuana è un narcotico che causa una serie di conseguenze negative, sia sulla salute che psicologiche e sociali. Nonostante il fatto che non causa dipendenza fisica, perché il consumatore, quando smette di consumarla, non sente una forte crisi fisica, è necessario trattare la dipendenza psichica dalla marijuana.

Considerando le conseguenze sulla salute che possono avere gli utenti di marijuana, la classificazione della marijuana in droghe leggere è ingiustificata. Tutte le droghe sono pesanti. Ogni tossicodipendente da eroina che è stato trattato da noi, ha iniziato con la marijuana. Di solito, l’uso di marijuana iniyia molto presto, a volte dagli 11 agli12 anni, con gli amici. Secondo le statistiche, oltre il 90% dei giovani ha provato la marijuana, dicendo che non è una droga, non è pericoloso perché è legale in molti paesi.

È questo tipo di ragionamento che gli stimolanti non sono pericolosi, portando alla sperimentazione di sostanze più pesanti e alla creazione di dipendenza. Col passare del tempo, la persona perde la sua indifferenza per la sostanza, che si tratti di marijuana, alcool, gioco d’azzardo o qualcos’altro. Il sistema di valori cambia. Il tossicodipendente trova sempre più ragioni per sentire l’effetto della sostanza. Crea situazioni, cerca di incontrare persone con lo stesso interesse e passa più tempo con loro a spese di altre attività

lečenje zavisnosti od marihuane

È ben noto che è estremamente difficile trattare le persone all'inizio della dipendenza (quando una persona non crede che ci sia un problema) e alla fine della dipendenza (quando è già difficile correggere ).

Gli effetti del consumo di cannabinoidi

Gli effetti psichici: Rilassamento (come un effeto controproducente, c’è una sensazione di ansia, disturbo); Euforia e aumento dell’umore; Tendenza a ridere; Distrazione; Incapacità di concentrarsi; Disturbo della struttura e delle dinamiche del processo di pensiero (“l’ondata di pensieri”); Disturbo di osservazione (le illusioni, a dosi alte le allucinazioni); Disturbo della capacità di ricordarsi; irresistibile necessità di parlare (ad alte dosi – disturbo della chiarezza del linguaggio); Disturbo della capacità di progettare e prevedere eventi; Spensierattezza; Derealizzazione (sensazione di cambiamenti ambientali innaturali); Depersonalizzazione (sensazione di un cambiamento innaturale del proprio “io“). Gli effetti somatici: Pupille dilatate; Sclere arossate; Secchezza in bocca e gola; Disturbo di funzioni motorie complesse (A dosi alte – Disturbo di coordinazione di movimento)

Gli effetti dell'uso a lungo termine dei cannabinoidi sul corpo:

  • Disturbi cronici nell’uso a lungo termine;
  • Psiche Apatia permanente e sonnolenza;
  • Peggioramento della memoria operativa;
  • Disturbo del pensiero astratto;
  • Depressione e sentimento di ansia;
  • Irritabilità;
  • Labilità emotiva;
  • Attacchi di panico;
  • Deterioramento del carattere;
  • Diminuzione dell’intelletto;
  • Suicidio;
  • Al livello del sistema Nervoso Mal di testa;
  • Disturbi della coordinazione;
  • Rallenamento del tempo di reazione;
  • Disturbo dei riflessi oculari;
  • Disturbo della percezione visiva dello spazio e dei colori;
  • Sistema di respirazione Tosse secca e improduttiva;
  • Faringite cronica;
  • Cambiamento di colore della mucosa orale, gonfiore del palato molle e dell’ugola;
  • Congestione nasale permanente;
  • Peggioramento dell’asma;
  • Infezioni respiratorie frequenti;
  • Bronchite cronica;
  • Bronchite cronica ostruttiva;
  • Cancro ai polmoni;
  • Al livello del sistema riproduttivo Riduzione del libido e la sensazione del piacere sessuale;
  • Riduzione della potenza;
  • Disturbi o assenza di ciclo mestruale;
  • Disturbo dello sviluppo fetale in gravidanza;
  • Infertilità.

Conseguenze sociali:

  • Isolamento personale, Riduzione delle ambizioni e perdita dei piani per raggiungere una posizione sociale elevata;
  • Interompere attività sportive e altre attività sociali;
  • Perdita di altri interessi.

Gli obiettivi principali del trattamento sono:

  • Correggere le conseguenze psichiche causate dall’uso di marijuana (paranoia, deliri, sindrome amotivazionale, depressione, disturbo dei pensieri, della memoria e dell’attenzione);
  • Eliminare il  bisogno, il desiderio di marijuana;
  • Formare i nuovi stereotipi di comportamento (abbandonare le vecchie abitudini, i contatti con gli amici che usano droghe, astinenza dallì alcool e altre sostanze psicoattive, rispettare orari odierni, fare sport e altre attività, lavoro, programma equilibrato di veglia e sonno).

Fasi di trattamento della dipendenza da cannabinoidi

Il trattamento della dipendenza da marijuana comprende una combinazione di terapia farmacologica, terapia neuro-jet, terapia d’informazione e psicoterapia, ma inizia sempre con la diagnosi.

1. Diagnostica: la prima e molto importante fase del trattamento. La diagnosi consiste essenzialmente nel valutare lo stato fisico e psichico del paziente. Per la valutazione delle condizioni fisiche del paziente, un esame standard include:

  • esame delle urine
  • test per l’epatite B e C, test per l’ HIV
  • analisi del sangue generale
  • analisi del sangue biochimica
  • ECG
  • esame da parte del medico internista

Per valutare lo stato psichico del paziente, un esame diagnostico standard prevede la psicodiagnosi (test psicologici che determinano il grado di dipendenza, il grado delle conseguenze dell'uso di oppiacei sulla salute mentale, l'esistenza di segni di disturbi mentali, depressione, il grado di motivazione per la guarigione, autocritica e conservazione dei meccanismi della volontà).

Dopo la diagnosi, un team di medici rivede i risultati per sviluppare una strategia e un piano di trattamento. Se la diagnosi rivela deviazioni significative nei test, la presenza di un fattore di rischio o se il paziente ha una malattia associata cronica, ulteriori esami sono organizzati in base alle necessità e vengono prescritti trattamenti per le malattie associate. A seconda del problema, possono essere proposte ulteriori test: MRI, EEG, ultrasuoni, radiografia, endoscopia, analisi della concentrazione di farmaci e medicine, visite al cardiologo, neurologo, endocrinologo, malattie infettive, ecc. Gli esami aggiuntivi menzionati non sono inclusi nel prezzo di questo trattamento e sono pagati extra.

2. Farmacoterapia – A volte, utilizzando una combinazione di farmaci ben selezionati, siamo in grado di ripristinare il controllo dei pensieri e delle emozioni del paziente. La terapia aiuta ad eliminare la paura, una sensazione di “apertura”dei pensieri, l’esitazione, il dubbio, l’ambivalenza (quando una persona dice una cosa e ne fa un’altra), la divisione della personalità, le idee irrealistiche, la depersonalizzazione.

Solo quando il paziente è di nuovo in grado di accettare, analizzare e reagire in modo appropriato agli eventi, il paziente può procedere alla fase successiva del trattamento. I genitori spesso si aspettano che la persuasione o le minacce possano aiutare il loro figlio a smettere di usare sostanza. Tuttavia, quando l’uso di marijuana causa disturbi dell’attenzione, del pensiero e della memoria, queste conversazioni non hanno alcun effetto, poiché il tossicodipendente semplicemente le ignora.

3. N.Е.Т. (Terapia NeuroJet) – Questa terapia ha lo scopo di stabilizzare il sistema di endorfine e neuromediatori. È un metodo molto promettente che viene applicato attivamente in Svizzera, Gran Bretagna e Russia. Lo scopo di questa terapia è di stimolare quelle strutture cerebrali responsabili della secrezione degli ormoni naturali del piacere. Durante l’uso regolare di narcotici questo processo viene interotto. Quando smette di usare narcotici, le endorfine non vengono secrete e il tossicodipendente prova tristezza, depressione, apatia, insensibilità. La terapia N.E.T. stabilisce in modo efficace l’equilibrio dei neuromediatori, consentendo al paziente di ritrovare il normale umore, eliminare il nervosismo e il desiderio di consumare narcotici.

4. Terapia d’informazione – come un computer, il cervello umano funziona con l’aiuto delle cellule neurali – i neuroni (hardware) e il sistema di controllo – un`elevata attività nervosa che rappresenta un insieme di imressioni, competenze, comportamenti, sistemi di valori, i meccanismi di volontà (software). Proprio come le informazioni dannose sotto forma di virus possono danneggiare il sistema informatico, così la dipendenza distrugge le cellule cerebrali e la psiche della persona che consumaa sostanze stupefacenti. Per avere funzioni le normali del cervello, è necessario un antivirus o una terapia d’informazione.

Un metodo unico di trattamento delle dipendenze che si basa principalmente sulla combinazione di farmacoterapia e le più recenti tecnologie informatiche. Lo scopo dell'elaborazione delle informazioni è di trasmettere informazioni speciali sotto forma di segnali audio e video codificati al cervello della persona dipendente al fine di eliminare i pensieri ossessivi, il desiderio di marijuana. L'informazione è divisa in gruppi di immagini brevi e suggestive a livello subconscio. Il paziente è in uno stato di sonno medico per diverse ore quando il suo cervello riceve le informazioni in modo più efficiente. I segnali vengono trasmessi dal computer usando occhiali e cuffie speciali. Il risultato di questa terapia è l'emergere dell'indifferenza e un atteggiamento negativo nei confronti dei narcoti.

5. Psicoterapia include una psicoterapia individuale, familiare e di gruppo, psicoterapia ad orientamento corporeo, la meditazione, training autogeno, sviluppo delle abilità comunicative, rilassamento, terapia artistica, analisi transazionale, terapia familiare, educazione individuale e di gruppo.

I nostri esperti aiutano i pazienti a ristabilire una buona comunicazione nel loro ambiente immediato, con la loro famiglia. Con i nostri psicologi, organizziamo un piano delle attività per il prossimo mese. Il paziente impara a reagire nelle situazioni difficili, apprende i metodi di protezione contro la ricaduta. Il tempo libero è previsto per attività sportive, passeggiate lungo il Danubio, piscina, jacuzzi, palestra, andare in un museo, ecc.

6. Fisioterapia – La fisioterapia prevede una combinazione di terapie – fisicale, medica o massaggio del tessuto profondo. Il massaggio è tranqulizzante e rilassante. Quando una persona passa attraverso il processo di riabilitazione, i livelli di dopamina sono inferiori a quelli di una persona non dipendente.

Il massaggio aiuta a normalizzare il processo della secrezione di dopamina nelle persone che che passano il processo di riabilitazone. Il massaggio aiuta anche la disintossicazione accelerando la circolazione sanguigna e linfatica e in questo modo accelera il processo di eliminazione di sostanze tossiche dal corpo. Una sessione di fisioterapia è inclusa nel costo del programma di trattamento.

7. Fase di trattamento ambulatoriale inizia dopo la dimissione del paziente dall’ospedale, dura un anno e comprende controlli mensili regolari (inclusi nel prezzo del programma di trattamento). Il paziente rimane in contatto con i medici dell’ospedale e riceve consigli necessari, aiuto in qualsiasi momento in caso di problemi. Durante la dimissione, il paziente e i suoi familiari ricevono una lista di dimissione, consigli dettagliati e istruzioni sulla terapia consigliata.

Il sostegno delle persone vicine aumenta le possibilità del successo. I pazienti dall’estero sono in contatto con i medici via e-mail, skype e telefono.

Il nostro programma include il trasporto del paziente da un aeroporto o una stazione alla nostra clinica e il ritorno dopo il trattamento. Nella nostra clinica, medici e infermiere sono disponibili per i pazienti 24 su 24 ore al giorno.

Tutti i medici sono anestesisti, psichiatri e psicologi esperti con 10-25 anni di esperienza. La clinica impiega più di 60 persone. Della sicurezza dei pazienti e del personale si occupa la guardia. La struttura è anche sotto video sorveglianza.

I pazienti sono sistemati in camere confortevoli e mederne che offrono il massimo comfort. Le camere vengono pulite due volte al giorno. Nel tempo libero, i pazienti hanno un soggiorno, piscina, jacuzzi, yoga, palestra e terrazza estiva. La clinica ha anche una cassaforte dove i pazienti possono lasciare le cose personali.

Per i pazienti stranieri che hanno bisogno di un visto, possiamo aiutare a ottenerlo. Se i pazienti dall’estero hanno un accompagnatore, come un sostegno, anche loro possono rimanere nella nostra clinica a un costo aggiuntivo.

Programma di trattamento della dipendenza da Cannabioidi – Diagnostica di laboratorio ed esami esplorativi psicologici; Farmacoterapia; Terapia d’informazione; Psicoterapia, Fisioterapia, controlli ambulatoriali di 12 mesi e il supporto contro la ricaduta dura 14 giorni.